La Roma con Conte e Perinetti nel 2016. Il piano per il dopo-Garcia

de-rossi-conteGarcia fino a fine stagione, poi Antonio Conte. Con Perinetti al posto di Sabatini. Ecco il piano giallorosso per il rilancio. A meno di altri scivoloni, la volontà del club di Pallotta è questa: chiudere nel migliore dei modi la stagione – e tutto è ancora possibile, la fiducia nelle qualità della squadra non è venuta meno – continuando con l’attuale tecnico e poi ripartire con un cambio radicale in panchina e in società.

Decideranno poi come sempre i risultati e per questo – va sottolineato – la posizione di Garcia resta molto complicata. La fiducia è a tempo, insomma, e l’arco temporale appena delineato – fino a giugno cioè – potrebbe ridursi drasticamente in caso di altri risultati negativi e figuracce: questo, va da sè, avrebbe anche una ricaduta sul progetto di cui parliamo ma tant’è, l’orizzonte sperato oggi come oggi si allunga sino a fine stagione e conduce alla rivoluzione estiva di cui scriviamo.

Come raccontato da Premium Sport, Conte avrebbe espresso il suo gradimento dando così la sua disponibilità di massima alla proposte romanista (sulle panchine estere, quelle di Chelsea e Manchester United, gravano talmente tante incognite da rendere quasi impossibile il poter formulare progetti a lunga scadenza) per un tandem che porterebbe nel ruolo oggi occupato da Walter Sabatini (finito a suo volta nel mirino di Bologna e Sampdoria) un uomo di grande esperienza e da sempre a lui legato come Giorgio Perinetti.

Written by