Il primo impegno di Spalletti: trasformare questa Rometta in …Roma!

Luciano Spalletti gode di buona, anzi di ottima stampa. Non bisogna sorprendersi, data la sua professionalità, soprattutto bisogna valutare positivamente la cosa perché gli sarà consentito di lavorare con maggiore tranquillità rispetto a qualche suo predecessore. Tra l’altro c’è anche un ulteriore vantaggio, quello di conoscere l’ambiente dei media, dati i trascorsi a Trigoria, quindi poter valutare ogni problema senza l’assillo di doverlo risolvere in tempi brevissimi. Dopo la prestazione con vittoria contro il Frosinone sono arrivati fin troppi elogi, ma siamo convinti che il primo a non fidarsi sia proprio il tecnico toscano.
Al di là dei tre punti, come scriviamo nell’editoriale, c’è stato ben poco: la magìa di El Shaarawy, l’impegno di Rudiger e Nainggolan, la sapienza di Totti, la crescita tattica di Pjanic. Niente di più. E se si rovescia la medaglia si scoprono: i disagi di De Rossi come centrale (esperimento ormai irripetibile contro qualsiasi altro avversario); le titubanze del nuovo arrivato Zukanovic (un salvataggio sulla linea, l’assist per il secondo gol, ma anche l’imperdonabile gaffe tattica sulla rete di Ciofani); la prova incolore di Keita; quella ancora una volta impalpabile di Salah e imperdonabile di Dzeko. Insomma, c’è ancora tanto, anzi tantissimo da fare.
Già martedi a Reggio Emilia contro il Sassuolo l’esame sarà di spessore diverso. La squadra di Eusebio Di Francesco non è il Frosinone e un risultato pieno potrebbe davvero cambiare il corso degli eventi, non solo sotto il profilo psicologico. La Roma ha bisogno di vittorie, ma anche di una filosofia di gioco che la riporti agli antichi valori, quelli che ne avevano fatto l’anti-Juventus, cioè una squadra temuta e rispettata. Il Frosinone all’Olimpico ha fatto un’ottima figura soprattutto dal punto di vista del coraggio e della determinazione con la le quali ha affrontato un avversario che tutti, da Stellone a Ciofani, giudicavano facilmente vulnerabile. Ecco cosa deve vincere Spalletti: le certezze degli altri quando affrontano la sua squadra, che da Rometta deve tornare ad essere Roma!

Written by