Gabrielli azzera le chiacchiere: “Le barriere ci sono e lì resteranno”

“Il derby sarà un appuntamento importante per questa città. Ci dispiace che lo si colori di significati diversi. Noi auspichiamo che tutto si svolga nella massima tranquillità e noi siccome siamo deputati anche a svolgere questa funzione gestiremo tutto quello che dovrà essere gestito”. Lo ha detto il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, a margine della visita alla mostra ‘Antiquorum Habet’, rispondendo a una domanda sul derby della Capitale.

Sulla questione delle curve “noi non abbiamo fatto né passi avanti né indietro: abbiamo fatto tutto ciò che serve a ripristinare all’interno dello stadio regole per la salvaguardia delle persone che ci stanno dentro. Chi parla di passi indietro fa ricostruzioni non corrette. Le barriere si mettono e si dismettono perché le abbiamo volute mobili”. Cosi’ il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, a margine della visita alla mostra ‘Antiquorum Habet’. “Nel momento in cui, chi ha la responsabilità della sicurezza e della safety prenderà coscienza che le barriere non servono più – ha sottolineato il prefetto – si toglieranno ma deve esserci una verifica sul recepimento delle regole. Lo stadio è un luogo di pubblico spettacolo che risponde alle legge del Paese”.

“Siamo arrivati alle barriere perché non si sono applicate le regole correttamente: gli steward erano alla mercé di chi stava nelle curve e non si rispettavano minimamente gli spazi vitali di chi ci stava. Per noi – ha spiegato Gabrielli – c’è una sola via d’uscita e cioè tornano i tifosi nella curva e rispettano le regole e si tolgono le barriere che però si possono anche rimettere”, conclude. (LR24)
————
Messaggio chiaro dal Prefetto ai tifosi (e ai loro avvocati…).

Written by