Super Skorupski blocca la Roma a Empoli. Juventus a +4

skorupski-630x415Grande delusione per la Roma che viene bloccata dall’Empoli sullo 0-0 e vede scappare la Juventus, ora avanti di quattro punti. I giallorossi partono forte ma Skorupski nega il goal prima a Salah e poi a Dzeko, quindi la partita si spegne e la squadra di Spalletti non riesce più impensierire seriamente il portiere di casa. Per i toscani è un punto d’oro, la Roma invece perde una grande occasione per allungare sul Napoli e portarsi di nuovo a ridosso dei bianconeri.

GILARDINO DAL 1′, TORNA RUDIGER – Tra i padroni di casa Veseli sostituisce l’infortunato Laurini con Pasqual dall’altra parte, al centro della difesa Bellusci e Costa. In mezzo al campo Diousse e Krunic vengono preferiti a Mauri e Tello, Saponara agisce dietro la coppia d’attacco formata da Gilardino e Pucciarelli. Spalletti, con gli uomini contati in difesa, rilancia Rudiger dal 1′ come terzino destro e conferma Emerson Palmieri a sinistra. A centrocampo l’ex Paredes prende il posto di Strootman a fianco di De Rossi, dietro l’unica punta Dzeko ci sono Salah, Nainggolan ed El Shaarawy.

DOPPIO MIRACOLO DI SKORUPSKI – Pronti via la Roma parte forte chiudendo l’Empoli nella sua metà campo ma prima Dzeko e poi Salah trovano sulla propria strada l’ex Skorupski, che chiude la porta e permette ai padroni di casa di non andare subito sotto. La squadra di Martusciello con il passare dei minuti sembra prendere le misure ai giallorossi che comunque restano padroni del gioco ma non riescono più a creare grosse occasioni da goal, a parte un tiro al volo di Nainggolan che si spegne fuori di poco.

BRIVIDO PASQUAL – L’Empoli allora prende coraggio e si fa vedere in avanti un paio di volte con Saponara, che sbaglia l’appoggio per Gilardino, e con lo stesso Gilardino il cui tiro però finisce alle stelle. La Roma invece ci prova soprattutto da fermo ma El Shaarawy non trova mai lo specchio della porta. Meglio di lui fa Pasqual ma il suo calcio di punizione mancino si spegne a pochi centimentri dal palo di Szczesny. Il primo tempo quindi si chiude senza reti. Buon avvio della Roma ma i padroni di casa difendono con ordine e rischiano poco.

DENTRO BRUNO PERES E TELLO – La ripresa inizia sulla falsariga dei primi quarantacinque minuti con gli ospiti che non riescono a sfondare il muro toscano. Spalletti quindi rompe gli indugi e inserisce il più offensivo Bruno Peres al posto di Emerson Palmieri mentre Martusciello inserisce Tello per Krunic. I cambi però non sortiscono gli effeti sperati dato che la gara si anestetizza e i due portieri non vengono praticamente mai chiamati in causa dai rispettivi attacchi. L’unico brivido lo regala infatti Gilardino che va giù in aria ma guadagna solo un giallo per simulazione.

MACCARONE SFIORA IL COLPACCIO, PUCCIARELLI SALVA – La partita di Rudiger finisce al 67′ quando Spalletti lo richiama in panchina per inserire Juan Jesus in un finale che la Roma non riesce ad accendere. L’Empoli infatti tiene molto bene, non rischia nulla e anzi nel finale sfiora il clamoroso colpaccio col subentrato Maccarone il cui tiro esce davvero di poco alla sinistra di Szczesny. Spalletti quindi decide di giocarsi anche la carta Perotti al posto di De Rossi ma la grande occasione capita prima sulla testa di Dzeko che si vede negare il goal sulla linea di porta da un miracoloso salvataggio di Pucciarelli, poi è ancora bravissimo Skorupski su una conclusione al volo di El Shaarawy.

Written by