Il fratello di Higuain contro gli arbitri: la “lagna” del Napoli non finisce mai!

Nicola non è solo il fratello maggiore di Gonzalo, ma è anche il suo procuratore. E su twitter ha sbottato, più da tifoso dell’Argentina che del Napoli a dire il vero, ricordando un presunto rigore non concesso alla Seleccion nella finale del Mondiale brasiliano persa contro la Germania. Il suo malumore per la scelta di Rizzoli, l’arbitro di Rio de Janeiro, per il big match tra Roma e Napoli l’ha lasciato senza parole, anzi, forse con fin troppe parole postate sul suo profilo Twitter: “Mi sembra una follia il fatto che Rizzoli arbitri il match Roma-Napoli. Il rigore che non fischiò a favore dell’Argentina nella finale è assurdo. Preferisco che il Napoli non si presenti, con gente che commette questi errori giocheremmo ancora una volta contro 14 avversari. Ormai è un’abitudine…”. Un tweet che agita la vigilia di Roma-Napoli, già ricca di tensioni.
—————-
Come si vede, il Napoli ha preparato al meglio la trasferta romana: di seguito riportiamo la “lagna” seguita alla partita pareggiata in casa con l’Atalanta, due settimane che sembrano essere trascorse inutilmente. Perfino il fratello di Higuain dice la sua: povera Roma…higuain
Ecco che cosa avevamo pubblicato dopo l’ultima gara di campionato al San Paolo, con relativo commento.
La rabbia esplode al 95′. E’ tanta, fa fatica a smaltirsi, si manifesta d’improvviso sui Social. Il Napoli affida a due tweet violentissimi il suo dopopartita e lo fa a pochi minuti dal pari del San Paolo, che probabilmente fa fuori la squadra di Benitez dalla corsa per il secondo posto con Lazio e Roma entrambe vincenti. Nel mirino del Napoli di De Laurentiis finiscono il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, e l’arbitro di Napoli-Atalanta Gianpaolo Calvarese. Gli azzurri accusano e parlano di campionato falsato.
La presa di posizione ufficiale del Napoli è durissima dopo il pari con l’Atalanta. Si parte con il primo cinguettio, che finisce con un “continua” perché 135 caratteri al Napoli in questa notte di grande rabbia vanno davvero non bastano. “E’ una vergogna! Tavecchio non può perdere in questo modo la sua credibilità”, si legge nel primo cinguettio.
Il secondo mette nel mirino l’arbitro Calvarese, che al 10′ della ripresa ha espulso Gomez (doppio giallo) e nel finale ha mandato Benitez negli spogliatoi. Il Napoli si è lamentato e molto prima per un presunto fallo di Pinilla (una spinta) su Henrique in occasione del vantaggio dell’Atalanta, e dopo per i 4 minuti di recupero ritenuti troppo pochi. “Un arbitraggio non da Serie A che falsa il campionato. In Inghilterra questo non sarebbe successo”, è il secondo tweet che chiude davvero una brutta serata.
Circa un’ora dopo la fine della partita, il tecnico del Napoli Rafa Benitez ha commentato tutto quello che è accaduto in questa serata. “Credo che tutti hanno visto la partita: può darsi che 4-5 arbitri non bastano per vedere bene cosa accade in campo, probabilmente ne servono altri due per poter vedere il fallo di Pinilla su Henrique”. Parte da qui Rafa Benitez, dall’episodio che ha fatto esplodere il Napoli contro l’arbitro. “E’ un episodio che cambia tutta la nostra partita – continua Benitez -: è incredibile che gli arbitri non l’abbiano visto”. Nel finale Benitez è stato anche espulso: “E’ la prima volta nella mia vita, non ho mai visto nemmeno un cartellino giallo”. Poi torna sull’arbitraggio: “L’arbitro ha vissuto una giornata particolare – aggiunge -. Oggi era una partita difficile, contro una squadra con 11 e dopo con 10 nel proprio campo, noi abbiamo avuto 8 occasioni nette da gol”. Benitez commenta così i tweet del Napoli: “Per una squadra che è vicina al 2° e al 3° posto, queste situazioni cambiano un po’ tutto. Io nel calcio non ho mai visto cose così. E’ una situazione che non mi è piaciuta. Noi stiamo facendo comunque una grande stagione”. (gazzetta.it)
————————
Succede spesso che il Napoli dopo la partita perda anche la testa. E’ successo ancora una volta, addirittura dopo un pareggio. Tweet contro la Figc, Tavecchio, il mondo intero. La Società di Aurelio De Laurentiis si fa sentire, usa tackle verbali molto duri, decisi e il rischio che a farsi male siano gli avversari di turno. Non è un caso che sabato 4 Aprile all’Olimpico ci sia la sfida con la Roma, sarà forse l’ultima chance in chiave Champions per il Napoli, quindi bisognerà tenere d’occhio il direttore di gara, chiunque esso sia. Non doveva esserci Rafa Benitez, espulso domenica sera ma graziato dal giudice sportivo, a Roma c’è chi pensa che sia un bene per i giallorossi…images

Written by