Roma: il vero Doumbia si vedrà solo l’anno prossimo

doumbiada La Gazzetta dello Sport – No, non può essere questo il vero Seydou Doumbia. Non si fanno 19 reti in 28 presenze nelle coppe europee se si gioca come sta facendo l’attaccante ivoriano alla Roma. Quattro presenze in campionato, 4,62 di media voto. Di gol nemmeno l’ombra. Spaesato, palesemente fuori condizione. L’ex centravanti del Cska Mosca paga l’avventura in Coppa d’Africa e l’adattamento a un calcio per lui nuovo. Ma è presto per etichettarlo come un bidone.
Doumbia è stato pagato una cifra vicina ai 16 milioni di euro dai giallorossi. Tanto, sicuramente troppo per quanto visto sinora. Ma il 27enne di Abidjan non può aver disimparato a giocare a calcio nel giro di pochi mesi. E Sabatini non deve aver fretta di liberarsene. Sembra difficile pensare a un cambio di rotta in questa dieci giornate che mancano alla fine del campionato, ma l’anno prossimo partendo alla pari con compagni e avversari Doumbia potrà dire la sua. In fondo se fossimo chiamati a valutare Gervinho solo per quanto fatto vedere al ritorno dalla Coppa d’Africa, il giudizio non sarebbe molto diverso da quello del connazionale arrivato dalla Russia. Quindi andiamoci piano con i giudizi affrettati e al fantacalcio diamoci appuntamento al prossimo anno.
Ha fatto discutere un tweet di Matteo Materazzi, agente Fifa e fratello di Marco. “In Serie D c’è gente che vale 10 volte Doumbia”, ha twittato di getto il fratello di Matrix. Ci sentiamo di dissentire. Alle squadre italiane Doumbia aveva dimostrato di saper segnare già in Champions ed Europa League (in gol contro Inter e Palermo). E fin prova contraria, il palmares e la storia di un giocatore qualcosa dovranno pure contare. È innegabile che Doumbia stia facendo male, malissimo, ma aspettiamo ad appiccicarli l’etichetta di bidone prima del tempo. Chi l’ha visto in Russia sa che non è questo.

Written by