Browse By

Roma-Sassuolo, la moviola: quanti errori per Maresca. Obiang mancato rosso, c’era il rigore

Moviola La Gazzetta dello Sport

Pedro viene espulso a 40′: il secondo ammonimento è sacrosanto perché evita la ripartenza di Maxime Lopez, ma il primo giallo a 11 non era più di un sì. Lo spagnolo, infatti, non colpisce mai Berardi, che cade invece dolorante. La Roma passa in vantaggio con un gol di Mkhitaryan dopo l’espulsione del numero 11 giallorosso, ma il VAR ricorda a Maresca un fallo su Locatelli di Dzeko. Il direttore di gara è stato così ben piazzato che annuisce con le mani durante tutta la produzione della partita che non c’è alcuna irregolarità. Pessima decisione che deve controllare al VAR e che comporta l’annullamento del primo bersaglio. Questa volta per Sassuolo: Haraslin si unisce e segna in uno scenario simile, ma Maresca viene richiamato dal VAR per un ruolo in fuorigioco.
Anche l’obiettivo per i nerd è stato eliminato. Uno dei più grandi errori arriva dopo tre minuti: Obiang è in ritardo su Pellegrini, il piede è troppo alto e la caviglia del centrocampista è martellata. Giallo per il giocatore emiliano ma un errore per Guida che non interferisce per un potenziale rosso nello spazio VAR. Nell’area di Ayhan, la Roma lamenta anche un tocco di mano: Cross di Spinazzola e il pallone finisce sulla destra dell’esterno: il tocco è molto evidente, ma il rigore non viene valutato né da Maresca né dal VAR. Strano, perché il giocatore del Sassuolo aspettava con aria di vergogna la decisione finale.

Moviola del Corriere dello Sport

La mentalità testarda e presuntuosa di Maresca, che rende falso l’intero gioco. L’errore più grande è l’incapacità di espellere Obiang, secondo il Corriere dello Sport: destro, piede martello, ginocchio teso, caviglia destra su Pellegrini. Un errore che diventa enorme se lo si confronta con il doppio giallo di Pedro. Mentre lo spagnolo evita Lopez alla ripartenza, non c’è nulla da dire sul secondo, ma il primo lascia molti dubbi: Berardi simula un colpo al petto, mai toccato dal giocatore giallorosso. Un rigore viene rifiutato anche alla Roma: Spinazzola crossa, Ayhan colpisce il braccio destro davanti a lui, che è largo nella zona dell’avambraccio, ma non ci sono segnalazioni né dal VAR né da Maresca. Le uniche due opzioni valide sono il rigore annullato da Mkhitaryan per fallo su Locatelli di Dzeko e il fuorigioco sul passaggio di Traore di Haraslin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attivare le notifiche    Ok No thanks